Dalle ville ai terreni edificabili, dagli appartamenti agli ex fabbricati industriali, dai negozi agli alberghi. E’ un patrimonio immobiliare ricco e variegato quello che possiede il Veneto grazie alle confische effettuate soprattutto nei confronti della criminalità organizzata (ma non solo) a partire dagli anni ’80. Eppure, gran parte di questi beni è ancora del tutto inutilizzata e rischia di deteriorarsi con il tempo, facendo fallire il principale scopo del sequestro, la restituzione di tali beni alla comunità per finalità sociali.

Secondo i dati elaborati utilizzando più fonti, in primis il portale dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC), i beni immobili confiscati in Veneto sono 460.
Di questi, però, solo uno su cinque è stato assegnato a enti locali o statali, ministeri o forze dell’ordine. Gli altri devono ancora essere destinati.

Guardando i numeri, si scopre un patrimonio immobiliare stimabile in molti milioni di euro. Come detto, i beni confiscati ammontano a 460 ma solo 92 sono di fatto utilizzati con varie finalità, gli altri devono essere ancora assegnati. Fra i beni destinati in Veneto, 56 sono stati affidati ai Comuni, 5 a Ministeri, 3 alla Polizia, 2 ai Carabinieri, 3 alla Guardia di Finanza e 23 ad amministrazioni statali.

Questo ricco patrimonio immobiliare potrebbe trovare in gran parte un utilizzo concreto. I beni non ancora assegnati dovrebbero essere destinati in particolare ad associazioni e a realtà del volontariato.
Ciò non accade in quanto è necessario un maggiore investimento nella gestione e nella valorizzazione dei beni. I Comuni, in particolare i piccoli Comuni dovrebbero essere supportati nell’azione di riutilizzo dei beni, sia sotto il profilo economico-finanziario, sia sotto l’aspetto manageriale. In tal senso i fondi del Pnrr possono rappresentare una formidabile opportunità. Già in occasione del decreto Rilancio del 2020 avevo presentato un emendamento per estendere ai beni confiscati alla criminalità organizzata i benefici previsti dal Superbonus al 110%, sul quale si registrò scarsa attenzione da parte del Mef.

Purtroppo, le questioni legate al possibile impiego dei beni confiscati sono tante. Non ultimi i problemi burocratici e uno scarso coordinamento con l’ANBSC, oltre all’impossibilità di utilizzare alcuni beni per le sue specifiche caratteristiche, pensiamo ad esempio ai box auto.  Teniamo presente inoltre che spesso il quadro è molto confuso, è capitato che ci siano sindaci che non sapevano neppure di avere nel proprio territorio beni confiscati.

La provincia con il maggior numero di beni sequestrati è Vicenza (129), seguita da Venezia (128), Verona (90), Padova (78), Treviso (17), Belluno (10) e Rovigo (8).

Nel Veronese si trova la più alta quota di immobili assegnati, 40, e quindi restituiti alla comunità, principale scopo della cosiddetta legge Rognoni-La Torre del 1982 che introdusse il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso nel codice penale, prevedendo come efficacissima misura di prevenzione e contrasto alle mafie proprio la confisca e il sequestro dei beni di proprietà delle organizzazioni criminali.

Nella nostra regione il patrimonio immobiliare confiscato è composto soprattutto da appartamenti in condomini (156) e da box auto (122). Ma ci sono anche ville (4), terreni agricoli (33), terreni edificabili (4), fabbricati industriali (5) e un albergo, tutti beni dall’elevato valore economico.

Nel Veneziano, oltre alla villa a Campolongo Maggiore, con piscina e campo da tennis, che apparteneva all’ex capo della Mafia del Brenta Felice Maniero, sono numerosi i beni confiscati. L’elenco comprende ovviamente anche gli immobili sequestrati alcuni anni fa alla mafia cinese, riconducibili in particolare al boss Keke Pan.

Nella provincia di Belluno il bene immobile confiscato e simbolo del malaffare era addirittura un albergo, l’hotel San Martino, costruito abusivamente sul Nevegal e di proprietà di Enrico Nicoletti, detto “il Secco”, cassiere della Banda della Magliana. Anziché condonarlo e provvedere alla sua ristrutturazione (e poi destinarlo ad uso sociale o commerciale), si è preferito abbatterlo.

Nel Padovano, molti appartamenti, fabbricati e magazzini, sono stati confiscati a Fabrizio Perrozzi. L’uomo è stato condannato dal Tribunale di Padova per un’evasione fiscale miliardaria.

Nel rodigino la confisca più importante è di certo la villa Crocco Valente a Badia Polesine.

Nel Trevigiano, invece, i sequestri più rilevanti riguardano i beni mobili (una Ferrari) e immobili della famiglia sinti Hudorovich.

In provincia di Verona è Erbè il comune in cui si registrano le confische più significative. A Roberto Patuzzo, trafficante di droga affiliato alla ‘ndrangheta, agli inizi degli anni Novanta, furono confiscate la villa (diventata poi sede dell’Ulss 9 Scaligera per ospitare ragazzi con problemi psichici) e un terreno in cui stava per essere edificato un agriturismo e che è diventato la base scout Tartaro-Tione 1.

Nel Vicentino, le confische con il più alto valore economico sono quelle effettuate nei confronti di Antonio Serino, pregiudicato napoletano ma residente a Bassano del Grappa, con condanne per ricettazione e tentata estorsione. Serino è stato oggetto della confisca di beni, acquisiti illecitamente, per un valore complessivo di 1 milione di euro.

IL REPORT INEDITO

Questo sito utilizza cookie, in alcuni casi anche di terze parti. Per maggiori informazioni visita la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scrollando questa pagina, cliccando un link o comunque continuando a navigare questo sito, presti il consenso all'utilizzo dei cookie.