header

Newsletter del 09/05/2019

Carissime/i
Fin dall'inizio della legislatura mi sono impegnato per portare all'attenzione di Governo e Parlamento i problemi di Venezia, tra cui il Mose, con interrogazioni, interpellanze, il sopralluogo della Commissione Ambiente per verificare lo stato dell'opera, e la proposta di aggiornamento della Legge Speciale che ho presentato alla Camera.
Il governo ha fatto sempre orecchie da mercante, poi ieri il Ministro alla Confusione Toninelli ha presentato un emendamento al decreto “sblocca cantieri”, in cui introduce una nuova tassa per i turisti che arrivano a Venezia, per finanziare la gestione del Mose.
Se non fosse tutto vero sarebbe incredibile. Il governo ci sta prendendo in giro.
Questa nuova tassa, generica e confusa, come è nello stile dell'esecutivo gialloverde, va ad aggiungersi al contributo di accesso alla città, arrivato pochi mesi fa, e agli altri “contributi” già esistenti. Vale a dire l’imposta di soggiorno, la tassa per la Ztl e la maggiorazione dei biglietti Actv.
Una cosa è chiedere un contributo straordinario per salvaguardare la specialità di Venezia, ma non è pensabile fare di Venezia una città a pagamento, facendo venir meno qualsiasi principio di equità e uguaglianza e mortificando questa città. Certamente in sede di conversione in legge chiederemo che il Governo riveda questa copertura.
L'emendamento inoltre istituisce un commissario per il completamento del Mose, e una sorta di Agenzia pubblica per la gestione e manutenzione futura dell'opera. La stessa cosa prevista nella proposta di Legge Speciale da me presentata, in cui ho aggiunto però la presenza del Magistrato alle Acque, un'istituzione storica che la mia pdl prevede di ripristinare.
Il governo pensa di governare Venezia a colpi di decreti, per evitare ancora una volta il confronto con istituzioni e rappresentanti di enti e territori, per i quali in tutti questi mesi non ha speso nemmeno una parola.

> Guarda la rassegna stampa
> Leggi la mia proposta di aggiornamento della Legge Speciale
> Leggi la sintesi della pdl
36845545_234663427139744_8995068527635333120_o
Grazie alle risorse stanziate dai governi di centrosinistra, l'esecutivo annuncia l’inizio degli interventi di messa in sicurezza della strada statale Romea.
È emerso nel corso del question time in Commissione Ambiente-Infrastrutture, durante il quale in sottosegretario Michele Dell'Orco, rispondendo a una mia interrogazione, ha annunciato che Anas ha in programma 81 interventi di manutenzione straordinaria, per un investimento di 361,52 milioni di euro. Risorse che vanno incrementate, poiché non sono sufficienti per dare risposta ai grandi problemi di traffico e sicurezza della Romea.
Risorse stanziate dai precedenti governi di centrosinistra, che avevano accantonato il project financing faraonico dell'autostrada Mestre-Orte, per dare priorità agli interventi di riqualificazione, manutenzione e messa in sicurezza dei 120 chilometri della Romea attuale.
Naturalmente sarà mia cura seguire la vicenda, chiedere ad Anas cosa prevedano i singoli interventi e verificare passo passo la messa in sicurezza di una delle strade più trafficate e pericolose d'Italia, frequentemente teatro di incidenti anche molto gravi.
Nessuna risposta in relazione alla strada provinciale “Arzeron”, un'arteria molto utilizzata dai pendolari, che consente di decongestionare il traffico nella zona di Chioggia, che però necessita di essere completata per circa una quindicina di chilometri.
Continuerò ad incalzare il governo gialloverde e la Regione, per dare risposte concrete alle esigenze dei cittadini.

> Leggi la mia interpellanza
> Ecco la risposta del Governo
> Guarda il video del Question Time
> Leggi la rassegna stampa
traffico romea
Sono intervenuto in aula sul caso di Barca Nostra, l'imbarcazione che nel 2015 affondò nel Mediterraneo uccidendo 700 migranti, diventata un'installazione della Biennale Arte. Il barcone, simbolo delle tragedie del mare, è una grande testimonianza per non dimenticare e riflettere sugli orrori del nostro tempo.
Ho voluto ribadire l'importanza che quest'opera rappresenta e stigmatizzare le polemiche sollevate da esponenti di Lega e Movimento 5 Stelle, davvero imbarazzanti di fronte a 700 vite spezzate.
Certo la maggioranza gialloverde non è nuova all'insensibilità quando si tratta di migranti, come ha ben dimostrato con l'approvazione del decreto sicurezza, che ha generato invece insicurezze, negato diritti e peggiorato le disuguaglianze.
La funzione della cultura, come giustamente ha detto il Presidente della Biennale Baratta, è quella di smuovere le coscienze e Lega e Movimento 5 Stelle si dimostrano ancora una volta inadeguati a rappresentare il Paese.

> Guarda il mio intervento in Aula
WhatsApp Image 2019-05-07 at 09.06.15
Emissioni gas serra delle Grandi Navi. In Commissione Ambiente e Giustizia riunite in sede congiunta, è stato discusso il Regolamento sulle emissioni CO2 generate dal trasporto marittimo.
Nel corso della commissione ho proposto che fosse introdotto un criterio sanzionatorio per fasce di stazza anziché, come stabilito dal Regolamento approvato, prevedendo sanzioni fisse per tutti i carghi da 5mila tonnellate (piccole navi da trasporto) in su. Ciò per evitare che il Regolamento rischi di diventare inefficace, in caso di trasgressione, per le Grandi Navi, che sono la principale fonte di inquinamento per la nostra città.
Ma la maggioranza gialloverde ha impedito che tale criterio di equità venisse introdotto.
Il Decreto del Governo in discussione recepisce il Regolamento dell’Unione Europea che punta a ridurre le emissioni generate dal trasporto marittimo attraverso l’obbligo di monitoraggio, verifica e comunicazione delle informazioni sulle emanazioni di gas nocivi da parte delle imprese di navigazione che caricano/scaricano merci e passeggeri nei porti dell’UE. Il provvedimento prevede multe per il mancato monitoraggio e verifica delle emissioni di gas serra delle navi, definendo la tipologia e l’ammontare delle sanzioni, ma senza tenere conto della stazza delle navi, con penali uguali per le imbarcazioni più piccole da 5mila tonnellate fino quelle di stazza più grande, da oltre 300mila tonnellate.
Il criterio progressivo delle sanzioni avrebbe evitato che le grandi Navi, qualora trasgrediscano disperdendo nell'atmosfera gas inquinanti al di sopra dei limiti, se la cavino con multe che, per le tasche delle mega compagnie di navigazione, rappresentano pochi spiccioli.
Per cui, grazie a Lega e Cinquestelle, lunga vita alle Grandi Navi.....

>Leggi la rassegna stampa
inquinamento_grandi navi_venezia
Antimafia. La sparatoria avvenuta a Napoli la settimana scorsa, che ha visto il ferimento di una bambina di 4 anni, che è tutt'oggi in condizioni critiche in ospedale, riporta in primo piano il tema della sicurezza e della lotta alla criminalità organizzata. Forti le parole del Procuratore Nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho, che boccia il governo su questi temi, poiché non ha saputo portare avanti politiche concrete per combattere la criminalità organizzata. Lo Stato deve intervenire con forza, servono misure urgenti e prioritarie per contrastare le mafie.

> Leggi l'appello del Procuratore Cafiero De Raho
manifestazione libera_cafiero de raho
Celebrazione della Giornata della Memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi in Aula alla Camera, alla presenza del Presidente Mattarella. Un'occasione importante per ricordare chi ha perso la vita per mano di una violenza cieca e ideologica, che va combattuta anche con la memoria e il ricordo, perché questi episodi non si ripetano mai più. Nel corso dell'evento si è esibita anche l'orchestra dell'Istituto Comprensivo "Cordenons" di Santa Maria di Sala.
WhatsApp Image 2019-05-09 at 12.32.35

APPUNTAMENTI

Continuano gli appuntamenti della Fondazione Pellicani sui temi dell'Europa, un argomento di grande attualità soprattutto adesso che siamo alla vigilia delle elezioni.
Vi aspetto sabato 11 maggio, ore 11.00 all'Ateneo Veneto con Lucrezia Reichlin, Marco Leonardi, Piero Fassino e Gianpaolo Scarante.
INCONTRO 11 MAGGIO_ATENEO VENETO_AGGIORNATO_DEF
Venerdì 17 maggio, ore 17.00 (Auditorium M9), interverrò a questo incontro sulla crisi della sinistra con Achille Occhetto, nell'ambito del ciclo "Anatomia di una Repubblica", organizzato da M9.
Anatomia di una Repubblica_17 maggio
custom custom custom custom 
Copyright © 2019 On. Nicola Pellicani. Tutti i diritti riservati