prova testata

NEWSLETTER del 20/09/2019

Carissime/i
In queste ore tormentate in cui il PD sta consumando una scissione dolorosa, nessuno ha dubitato della mia permanenza nel partito. Ciò perché il mio atteggiamento è sempre stato molto chiaro.
Sono approdato al PD dopo un percorso civico che mi ha consentito di essere eletto in Consiglio Comunale a Venezia, come il più votato del centrosinistra. Mi sono iscritto al PD nella convinzione che, soprattutto nella stagione di crisi che stiamo attraversando, la politica si debba fare anzitutto nei partiti, nonostante le debolezze e le fragilità che manifestano.
Il PD è il partito che in questa fase sta garantendo la tenuta democratica del Paese ed è argine alla deriva sovranista che rischiava di degenerare, portando l'Italia a una democrazia autoritaria, cavalcando paure e insicurezze. È una grande comunità plurale che porta avanti istanze e culture riformiste, che crede nei valori europei, che vuole combattere le disuguaglianze.
Sono entrato nel PD qualche anno fa con un nutrito gruppo di persone, con la convinzione che fosse necessario avviare una nuova stagione del Partito Democratico, aprendolo concretamente alle forze vive della società, allargando il confronto tra i cittadini, le associazioni, i corpi intermedi.
Abbiamo sostenuto Renzi e il referendum per la riforma Costituzionale, promuovendo Comitati cittadini, con la speranza di aprire una nuova stagione nel Paese. Purtroppo è andata male, con tutto ciò che ne è conseguito. È arrivata la prima scissione di Bersani, che abbiamo fortemente criticato, cercando di affermare l'importanza dell'unità del partito. Due anni dopo arriva un'ulteriore scissione, un altro ex segretario, che imbocca una strada diversa. Un altro grave errore.

L'uscita di Renzi e di un numero consistente di parlamentari dal PD, anche se non mette in discussione la tenuta del governo appena insediato, impone comunque l’apertura di un confronto franco sulla natura e sul futuro del Partito Democratico, che ha percorso un decennio segnato da diverse scissioni con un altissimo grado di conflittualità interna. In questo momento sarebbe stata necessaria più unità e coesione, invece ci troviamo di fronte a una scissione che rischia di indebolire sia il partito che il governo. Fino a ieri eravamo sotto lo stesso tetto, d'ora in poi sarà più complicato camminare assieme.
Nell’ultimo mese così convulso si è consumata prima una svolta radicale che ci ha portati al governo e ora la perdita di un pezzo di partito. Credo che tutto questo debba necessariamente comportare un dibattito ampio che coinvolga tutta la comunità democratica. Lo sostengo fin dal primo momento in cui sono entrato nel PD, se non si cambia il modo di stare e di vivere il partito non faremo molta strada.
Un partito fondato sulle correnti, sui capibastione, peraltro senza seguito, è destinato lentamente a consumarsi, come dimostra il deciso calo degli iscritti.
Bisogna aprire una stagione nuova, è necessario rifondare il Partito Democratico aprendolo all’esterno, anzitutto ai giovani. Ma per farlo è necessario passare dalle parole ai fatti, vale a dire uscire dai circoli e mischiarsi tra la gente. Un partito deve guidare e non seguire l'opinione pubblica.

Perché ciò avvenga è indispensabile pensare a un nuovo modello di partito, passando dal criterio della fedeltà, che ha orientato le scelte anche delle ultime settimane, a quello della democrazia interna. Solo se il PD sarà un corpo vivo, che interpreta e rappresenta in pieno i bisogni della società, potremo tornare a conquistare la fiducia degli elettori.
Non dimentichiamo che siamo arrivati al governo attraverso un percorso, legittimo in una democrazia parlamentare, ma senza essere passati da una prova elettorale. Non è la prima volta che succede.
È da quasi dieci anni, salvo l'ultimo governo gialloverde, che siamo al governo senza mai aver vinto le elezioni. Un sistema che ha finito per formare una classe dirigente sempre più autoreferenziale che ha progressivamente trascurato i territori. Il risultato è sotto gli occhi di tutti.
Emanuele Macaluso, di cui ho l'onore di avere l'amicizia, l'ha definita, con una battuta efficace, “una classe dirigente ammalata di governite”.

Insomma, il PD avrà un futuro solo se tornerà ad essere una forza politica radicata nel Paese, sempre presente dove ci sono i problemi dei cittadini. Punto di riferimento delle fasce più deboli della società. Questa è la sfida che abbiamo di fronte.

Nicola
custom custom custom custom 
Copyright © 2019 On. Nicola Pellicani. Tutti i diritti riservati