Brugnaro: fiumi di parole

19/03/2017 – Un’intervista e via in Brasile. Il sindaco che lavora 16 ore al giorno per Venezia era da pochi giorni tornato dalla montagna, ora vola dall’altra parte del mondo a controllare le filiali Umana carioca. Sono molto preoccupato da cittadino che ama la sua città, prima ancora che come consigliere comunale per l’immobilismo che regna in tutto il comune. Il sindaco continua a dare una rappresentazione della città che non corrisponde alla realtà. Sono finiti i tempi delle parole e dei piani programmatici. L’unica cosa vera è che in 20 mesi Brugnaro ci ha sepolti di parole. Discorsi alluvionali dappertutto. Ha sfinito tutti. Fiumi di parole, ma guardiamo ai …

Leggi →

Sempre più a rischio la sopravvivenza di Thetis

18/03/2017 – È sempre più a rischio la sopravvivenza di Thetis, una società che rappresenta un fiore all’occhiello per Venezia, in particolare per il centro storico. Non sono a rischio solo oltre cento posti di lavoro, ma la presenza in città di un’eccellenza tra le società di ingegneria italiane, che costituisce una delle poche alternative concrete alla monocultura turistica imperante a Venezia. Purtroppo non è assolutamente chiaro cosa intendano fare il Governo e il Consorzio Venezia Nuova, socio di maggioranza di Thetis. Troppe domande senza risposte: perché si lascia andare alla deriva un’azienda così ricca di competenze? Perché non viene valorizzata o messa sul mercato? Perché si è scelta la …

Leggi →

Obiettivi di produttività dei dipendenti comunali

27/02/2017 – È paradossale che la giunta Brugnaro fissi gli obiettivi per i dipendenti relativi ai premi di produttività del 2016, a fine febbraio 2017. È evidente che si tratta di atti palesemente illegittimi che si prestano a centinaia di ricorsi. Stavolta il sindaco Brugnaro non potrà dare la colpa del ritardo alla passata amministrazione… Il sindaco parla tanto di merito senza però fissare gli obiettivi. Si tratta dell’ennesimo pasticcio ad opera di Brugnaro che fa il paio con le parole pronunciate la scorsa settimana, secondo cui vorrebbe applicare il prossimo contratto solamente ai dipendenti iscritti al sindacato che siederà al tavolo della trattativa. Parole senza senso, pronunciate solo per …

Leggi →

Sul Casinò di Venezia

20/02/2017 – Quello presentato dal sindaco non è un piano industriale, bensì un semplice piano di razionalizzazione, che rischia di affossare definitivamente il Casinò di Venezia. È giusto pensare ad un abbattimento dei costi, ma parallelamente è necessario un progetto di rilancio che guardi al futuro della Casa da Gioco. Non ci sono alternative, bisogna pensare ad una nuova sede, in linea con gli standard internazionali, dotata di una struttura di alto livello, capace di soddisfare la clientela più esigente, possibilmente con annessa anche la realizzazione di un albergo. Solo in quest’ottica è coerente un piano di razionalizzazione. Il fallimento della gestione del Casinò anche di questo ultimo anno e …

Leggi →

REFERENDUM SEPARAZIONE VENEZIA MESTRE

15/02/2017 – È evidente che il Consiglio Regionale ha compiuto una forzatura dando il via libera al Referendum votando la meritevolezza. Uno strappo contro tutti i pareri tecnico-giuridici secondo cui il Referendum, così come proposto, sarebbe illegittimo. Lo scrivono nero su bianco l’Ufficio legislativo dello stesso Consiglio Regionale, il Ministero per gli Affari Regionali, il Comune di Venezia e la Città Metropolitana, oltre a sostenerlo illustri costituzionalisti. Così rischiamo di prendere in giro gli elettori, ovvero spendere denaro pubblico per andare al voto per un referendum che rischia di essere illegittimo. Prima è necessario sciogliere questo nodo, nell’interesse di tutti. Nel merito resto convinto che la separazione dei due Comuni …

Leggi →

AREA FOSFOGESSI

10/02/2017 – AREA FOSFOGESSI: 1,7 MILIONI DA SPENDERE PER LA MESSA IN SICUREZZA Convocare subito la Conferenza dei Servizi Sono passati tredici anni dalla fine dei lavori di bonifica, ma l’intervento non è stato sufficiente per mettere in sicurezza l’area dei Fosfogessi di Campalto. Cosa si aspetta ad intervenire per restituire alla città un’area di barena così importante? Convocare subito la Conferenza dei Servizi per una rapida decisione e avviare finalmente un progetto definitivo, che consenta all’area di essere utilizzata dai cittadini. Il MAV (Magistrato alle Acque) aveva assicurato la disponibilità di 1 milione 7 mila euro per mettere in sicurezza difenitiva l’area. Che fine hanno fatto quelle risorse? Perché …

Leggi →

IL GRUPPO G124 PRESENTA IL SUO LAVORO ALLA CITTÀ

06/02/2017 – GRUPPO G124: BRUGNARO PREFERISCE LA PROPAGANDA AI PROGETTI CONCRETI Il Comune promuova la presentazione del progetto di Renzo Piano in Consiglio Il sindaco snobba il gruppo G124 di Renzo Piano che, dopo un anno di lavoro, ha regalato alla città un progetto per “rammendare” un pezzo di periferia a Marghera. Al progetto concreto già protocollato in Comune il sindaco preferisce la passerella con i Parlamentari. Anziché cogliere l’occasione di lanciare il lavoro del G124 assieme alla Commissione di inchiesta, puntando a fare massa critica nell’interesse della città, Brugnaro ha scelto la strada della propaganda. Nulla di nuovo, un’altra occasione persa per Venezia. Salviamo però il progetto del gruppo G124. …

Leggi →

BRUGNARO E L’UNESCO

25/01/2017 – Bene ovviamente che il Comune abbia ricucito i rapporti con l’Unesco. Semmai era stato gravissimo lo strappo avvenuto nei mesi scorsi. Mai era successo prima d’ora che Venezia rischiasse di entrare nella black list dell’Unesco, Non si capisce però cosa Brugnaro sia andato a dire alla direttrice Irina Bokova. Mi pare molto grave che il Consiglio comunale non conosca il contenuto delle 70 pagine presentate dal sindaco. Volato a Parigi accompagnato oltre che dalla moglie – presente anche all’incontro, come si può vedere dalle foto pubblicate – da una delegazione di una quindicina di persone tra assessori, consiglieri comunali, dirigenti e collaboratori vari. Cos’ha raccontato Brugnaro all’Unesco? Cosa …

Leggi →

BRUGNARO DA IL BENSERVITO AL DIRETTORE DEL CASINO’

21/01/2017 – Brugnaro dà il benservito al direttore generale del Casinò Eros Ganzina. Non c’è pace per la Casa da Gioco. Si riparte nuovamente da zero per affrontare una crisi che sembra non avere fine. Ganzina, chiamato appena otto mesi fa per salvare l’azienda, sta trattando l’uscita da Ca’ Vendramin. Nella migliore delle tradizioni del Casinò di Venezia i cosiddetti manager se ne vanno senza gloria ma con il portafoglio pieno. È sempre successo così negli ultimi vent’anni e si continua con l’unica differenza che in tempi di crisi la buonuscita di Ganzina sarà meno dorata di quella dei suoi predecessori, ma comunque di tutto rispetto. Il suo contratto scade …

Leggi →
Pagina 4 di 25« Prima...23456...101520...Ultima »